Chiesa della Madonna del Carmine
di Monsapietro Morico (FM)

L'edificio religioso, di origine tardo-medievale, oggi denominato Chiesa della Madonna del Carmine, è di qualche secolo più recente rispetto alle altre tre Chiese “templari” (quella di S. Pietro, quella di S. Paolo e quella di S. Gregorio Magno), tutte annesse e dipendenti dalla famosa Pieve alto-medievale di S. Stefano in Falerone.

Le Chiese di S. Pietro e quella di S. Paolo furono edificate nel 1071 e dintorni, da un incaricato del Vescovo di Fermo (il normanno Malugero o Maugero Melo, il cui vero nome, filologicamente ricostruito, è Ermanno Mikelo, figlio de Dragone di Altavilla, conte della Puglia e Calabria).
Mentre la Chiesa della Madonna del Carmine deriva da una primitiva "Pintura" intitolata sempre alla Madonna del Carmine e risulta posta (al pari dell’edificio ampliato attualmente) in un luogo che è visibile da Monte e da Valle.  
L’edificio originario, forse quattrocentesco, della Chiesuola era assai ridotto rispetto a quello della Chiesa attuale, che ne risulta in pratica un raddoppiamento.  
Il primitivo edificio, sempre a pianta rettangolare, era diversamente orientato: la sua (individuata) porta ad arco d’ingresso si apriva sulla parete corta di nord est e la finestra (ad arco ?) di fondo, quella sopra l’altare, dava luce da sudovest. 
Intorno alla prima metà del Cinquecento per mano di un anonimo, ma, bravo artista (qualcuno ha pensato al Pagani e/o al Presutti), è stato dipinto, per l’altare dell’originaria Chiesuola extraurbana, un organico e cospicuo “a fresco" raffigurante la Madonna con Bambino, tra gli Angeli musicanti, con, a lato, la (stessa) Madonna che contempla il CrocifissoDal soggetto pittorico antico si deduce che la Madonna era “del Carmine”, cioè “del Carmelo”. A sinistra, si riesce a distinguere S. Agostino (con Libro in mano e Lume della Sapienza sul capo), accompagnato da parziali e inscurite immagini raffiguranti tre anonimi componenti dell’Ordine (Agostiniano) dei Canonici: proprio l’ordine che fondò e poi detenne per secoli l’edificio stesso.
Nel 1605, come documenta un’epigrafe posta sopra l’attuale ingresso (di nordovest) della Chiesa della Madonna del Carmine, la primitiva Chiesuola fu ampliata, nel suo impianto, e ruotata di 180 gradi. Per questo ampliamento furono utilizzati, in prossimità della fondazione, anche alcuni conci (di cui uno decorato con rosetta “templare”), sicuramente provenienti dal fronte della sovrastante Chiesa romanica del Cimitero, che a quel tempo era diroccata.
In una data imprecisata, tra la fine del Seicento, si provvide a corredare la Chiesa della Madonna del Carmine di un dipinto della Madonna su tela, con pregevole cornice, ricevuto in dono da San Francesco d'Assisi. Però, nel corso degli anni si decise che l'immagine della Madonna del Carmine, dopo il "mese mariano", fosse trasferita, ogni anno, con una solenne processione nella Chiesa Parrocchiale, iniziando così un peregrinare continuo fino a quando si decise di farne una copia più o meno "fedele".
Forse in occasione di un restauro settecentesco dell’edificio (documentato da formella nel l742), o forse anche in epoca successiva, di dominante gusto neoclassico e/o preromanico, la Chiesa fu internamente decorata con dipinti a tempera pregevole fattura, anche nella loro componente simbolico-agreste delle “vele” absidali e in quella simbolico-geometrica delle “paretine” absidali. 
E' probabile che in questa circostanza, si spostò la finestra in alto e si “riempì” lo spazio sopra l'affresco dipingendovi un vistoso tendaggio.
L’antico “splendore” sette-ottocentesco di questa Chiesa è stato recentemente (2006-2008) ripristinato con accurati interventi di risanamento strutturale e di restauro artistico, solleccitati e ben “coordinati” dal solerte Parroco pro tempore don Alighiero Laurenzi.

Alcune foto della Chiesa Madonna del Carmine di Monsampietro Morico

Facciata ingresso

Chiesa della Madonna del Carmine

Facciata ingresso


[Clicca per ingrandire]

Interno

Chiesa della Madonna del Carmine

Interno


[Clicca per ingrandire]

Ingresso interno

Chiesa della Madonna del Carmine

Ingresso interno


[Clicca per ingrandire]

Altare lato destro

Chiesa della Madonna del Carmine

Altare lato destro


[Clicca per ingrandire]

Porta della Sagrestia

Chiesa della Madonna del Carmine i

Porta della Sacrestia


[Clicca per ingrandire]

Navata unica

Chiesa della Madonna del Carmine

Navata unica


[Clicca per ingrandire]

Particolare

Chiesa della Madonna del Carmine

Particolare


[Clicca per ingrandire]

Affresco Madonna con Bambino, tra glia Angeli musicanti

Chiesa della Madonna del Carmine

Affresco Madonna con Bambino, tra gli Angeli musicanti
[Clicca per ingrandire]

Decorazioni a tempera di pregevole fattura

Chiesa della Madonna del Carmine

Decorazione a tempera di pregevole fattura

[Clicca per ingrandire]

Copia Quadro Madonna del Carmine

Chiesa della Madonna del Carmine

Copia Quadro Madonna del Carmine

[Clicca per ingrandire]

Originale Quadro Madonna del Carmine

Chiesa della Madonna del Carmine

Originale Quadro Madonna del Carmine

[Clicca per ingrandire]

Navata

Chiesa della Madonna del Carmine e

Navata


[Clicca per ingrandire]

Chiesa della Madonna del Carmine
Indirizzo Edicola

Via Case Nuove, 2                     
60010 Castelleone di Suasa
(An)

Contatti

Bellagamba Franco
Email: 
edicoladelcarmine@suasa.it
Telefono: 071-966352 

Collegamenti

Link Utili


Privacy

Site was made with Mobirise