Chiesa della Madonna del Carmelo
di Monteleone di Spoleto (PG)

La Chiesa della Madonna del Carmelo non esiste più in quanto lo stabile è stato trasformato in civile abitazione.
Sorgeva nel Terziere di San Nicola (I Terzieri hanno origine dalla suddivisione della città medioevale in tre porzioni; gli altri due sono di San Giacomo e di Santa Maria), in via degli Orti ed era posta in uno dei luoghi più suggestivi e panoramici della zona Pago.

Non si hanno notizie certe riguardo alle sue origini, nel Quattrocento la struttura era già esistente e fornita di un atrio affrescato.
Nel XVII secolo la chiesa è di jus patronatus della famiglia Piersanti, insieme alle famiglie Antonelli e Salamandra, nonché sede della Confraternita del Carmelo
Nel 1604 è restaurata e ingrandita da D. Gentile Piersanti, che vi fonda la Compagnia della Concezione. Comprende in tale periodo, tre altari, quello principale dedicato alla Santa Vergine, la cui statua processionale del XVIII secolo (una Madonna Vestita, con gli attributi propri del Carmelo) è ora conservata in San Francesco, e i due laterali dedicati a Sant’Antonio e San Carlo, eretti rispettivamente per volere di Antonio Piersanti e della famiglia Antonelli (che vi unisce un lascito per la distribuzione del pane ai poveri e di elemosina a sette giovani zitelle). 
Per desiderio del reverendo carmelitano Padre Salvatore Salamandra, con atto del 26 marzo 1637 è fondata l’Opera pia di Maria Santissima del Carmine, il complesso è dotato di beni e rendite necessarie per il suo mantenimento, affidato a una gestione comune sotto la cura di Grandonio Rossi
Nel 1651 è rifatto il tetto, assieme ad altri lavori di restauro, mentre la commissione composta da D. Giuseppe di Niccolis, Giuseppe Salvatori, Isidoro Ciocchittus e il reverendo D. Giovanni Salvatori si adoperano presso il Card. Facchinetti, Vescovo di Spoleto, per l’elezione di un nuovo cappellano e il mantenimento delle disposizioni dell’eredità Salamandra
Unico edificio sacro rimasto praticamente integro a seguito del forte sisma del gennaio 1703, la Chiesa di Santa Maria del Carmine, durante i lenti lavori di ripresa e restauro di San Nicola, funziona da parrocchia per ben dieci anni, fino e poco oltre il 1713. 
Nella visita pastorale del Vescovo Carlo Giacinto Lascaris del 4 ottobre 1712 la “Chiesa della Vergine del Carmelo” è retta dal chierico Carlo Piersanti e così descritta: “Ha due porte, una torre campanaria con un’unica campana di medio peso, e internamente quattro altari dedicati alla Vergine, a S. Antonio da Padova, a S. Carlo e a S. Anna (…)”. 
Il fabbricato, con gli annessi ambienti conventuali, è stato sconsacrato, venduto e trasformato in abitazione privata nella seconda metà del Novecento, in occasione della sua conversione in abitazione civile, alcuni lacerti di affreschi ancora presenti all’esterno, sul lato sinistro del prospetto, sono stati distaccati per interessamento del Cardinale Egidio Vagnozzi (1906-1980). 
Presenta ancora, in corrispondenza della facciata principale, l’antico portale d’ingresso in pietra scolpita, formato da grossi stipiti decorati con motivi vegetali e floreali. 
Sull’architrave convesso è incisa la seguente dedicazione: “DEIPARE VIRG. CARM. SACRVM” (Consacrato alla Vergine del Carmine Madre di Dio). 
Sia la porta sia l’iscrizione, mantengono ancora la colorazione originaria rossa, per gli elementi in rilievo, e nera, per la campitura delle lettere. 
Nel testo si rileva inoltre la traccia di un evidente errore del lapicida che, in una prima stesura, incide la parola “sacrom” in luogo di “sacrum“. 

(Notizie tratte da uno scritto di Silvio Sorcini)

Alcune foto della Chiesa della Madonna del Carmelo di Monteleone di Spoleto

Mobirise

Chiesa della Madonna del Carmelo

Portale


[Clicca per ingrandire]

Dettaglio del Portale

Chiesa della Madonna del Carmelo

Dettaglio del Portale


[Clicca per ingrandire]

Altro dettaglio del Portale

Chiesa della Madonna del Carmelo

Altro dettaglio del Portale

[Clicca per ingrandire]

Planimetria storica di Monteleone di Spoleto

Chiesa della Madonna del Carmelo

Planimetria storica di Monteleone di Spoleto

[Clicca per ingrandire]

Esterno
Indirizzo Edicola

Via Case Nuove, 2                     
60010 Castelleone di Suasa
(An)

Contatti

Bellagamba Franco
Email: 
edicoladelcarmine@suasa.it
Telefono: 071-966352 

Collegamenti

Link Utili


Privacy

Designed with Mobirise web template