Chiesa Madonna del Carmine
e di San Biagio di Senigallia (AN)

I lavori per la realizzazione di un convento con annessa chiesa, vennero avviati nel 1615, a seguito di una cospicua donazione lasciata in eredità dalla Sig.ra Servilia Bisconti, all'ordine dei Carmelitani nel 1587. 

In seguito, fu inaugurata nel 1638 e dedicata a Santa Maria e a San Biagio martire. Dopo un secolo, nel 1739, la chiesa fu demolita per venire incontro alle esigenze di una chiesa più grande visto il moltiplicarsi della popolazione durante il periodo delle "ampliazioni", come molte Chiese di Senigallia e, nello stesso anno, fu posta la prima pietra del nuovo tempio, così che, nel 1745 fu consacrata alla venerazione della Madonna del CarmineNegli anni successivi fu terminato anche l'annesso Convento dei Carmelitani.
La chiesa è in stile sobriamente settecentesco, in cui predominano i colori rosso ed oro, ha un unica
 navata con tre altari, conserva una bella pala d’altare, probabilmente della vecchia chiesa, è un dipinto a olio su tela, raffigurante la "Madonna del Carmelo che dona lo scapolare a San Simone Stock", attribuita al pittore jesino Antonino Sarti, un quadro rappresentante S. Teresa Lisieux e un organo a canne. L'altare di destra accoglie una Natività appartenente alla scuola del Barocci. Conserva anche un olio su tela raffigurante “La Sacra Famiglia con San Giovannino e il Padre Eterno”, attribuita ad un pittore di ambito marchigiano e risalente al primo quarto del secolo XIX.
Inoltre, sotto l’altare è collocata un’urna con una reliquia di S. Valentino tratta nel 1807 dalle catacombe di S. Priscilla in Roma e donata al Priore dell’epoca, dal Cardinale Domenico Lucciardi nel 1853, come risulta da un documento del XIX secolo.
Sulla facciata della Chiesa è stata inserita una terracotta modellata in bassorilievo, riproducente lo Stemma papale di Pio XI, senza conoscerne quando e per quale motivo, mentre, Senigallia ha dato i natali a Papa Pio IX.
Attualmente vengono celebrate due messe al mese

Il terremoto del 1930 procurò gravi danni alla chiesa e al convento, tanto da rendere necessari numerosi restauri negli anni seguenti e la chiesa fu riaperta al pubblico solo nel 1934. 
La Chiesa del Carmine è oggetto di culto per la venerazione principale alla Madonna del Carmine, oltre agli altri santi sopra rappresentati. Si
 trova in posizione defilata, nel centro storico ed è degna di essere visitata, ma dal novembre 2019  è stata resa inagibile perché la tromba campanaria risulta pericolante e, per garantire l’incolumità dei fedeli, ma anche delle tante persone che la visitano, la chiesa è stata chiusa.

Alcune foto della Chiesa Madonna del Carmine di Senigallia

Esterno

Chiesa Madonna del Carmine

Esterno


[Clicca per ingrandire]

Portale

Chiesa Madonna del Carmine

Portale


[Clicca per ingrandire]

Targa

Chiesa Madonna del Carmine

Targa


[Clicca per ingrandire]

Stemma di Papa Pio XI

Chiesa Madonna del Carmine

Stemma di Papa Pio XI


[Clicca per ingrandire]

Interno

Chiesa Madonna del Carmine

Interno


[Clicca per ingrandire]

Abside

Chiesa Madonna del Carmine

Abside


[Clicca per ingrandire]

Controfacciata con organo a canne

Chiesa Madonna del Carmine

Controfacciata con organo a canne

[Clicca per ingrandire]

Organo

Chiesa Madonna del Carmine

Organo


[Clicca per ingrandire]

Acquasantiera

Chiesa Madonna del Carmine

Acquasantiera

[Clicca per ingrandire]

Statua del Bambino Gesù

Chiesa Madonna del Carmine

Statua del Bambino Gesù

[Clicca per ingrandire]

Tela con Crocefisso

Chiesa Madonna del Carmine

Tela con Crocefisso


[Clicca per ingrandire]

La Sacra Famiglia con San Giovannino e il Padre Eterno

Chiesa Madonna del Carmine

"La Sacra Famiglia con San Giovannino e il Padre Eterno"
[Clicca per ingrandire]

Chiesa del Carmine
Indirizzo Edicola

Via Case Nuove, 2                     
60010 Castelleone di Suasa
(An)

Contatti

Bellagamba Franco
Email: 
edicoladelcarmine@suasa.it
Telefono: 071-966352 

Collegamenti

Link Utili


Privacy

Site was built with Mobirise website templates